CAPRICORNO: PER I NATI DEL MESE!

Dic 22, 2019

oroscopo-febbraio-2019-paolo-fox-capricorno

CAPRICORNO: PER I NATI DEL MESE!

Parola d’ordine: Io applico

Cosa cerca: cerca la strada che lo conduca più velocemente possibile, seguendo con metodo e costanza le vie della ricerca interiore ed esteriore, all’essenza divina.

Nella vita interiore, il Capricorno brilla per il suo senso di responsabilità ed integrità morale. Nell’esteriore troviamo tanti studiosi del bene collettivo, politici di stampo Calvinista e grandi statisti. L’interesse , quindi del Capricorno è indubbiamente la gestione del territorio e della vita, sia sociale che interiore. Figlio e amante della procedura e del protocollo, parzialmente percorre i sentieri del bene comune. Una pazienza e tenacia che troviamo nei più grandi artisti e scultori a livello mondiale. Forse è questo il miglior modo per descrivere l’essenza della vita del Capricorno: l’arte di saper fare del tempo terrestre un avita esemplare che nelle sue gesta e proporzioni (auree) sappia ispirare l’uomo comune della presenza costante del Divino nella nostra misera vita. Dal piccolo geometra al grande Mosè, il Capricorno è sempre impegnato a salvare e migliorare l’ambiente e la vita umana.

Il Capricorno è il più abile tra tutti i segni a riconoscere il dovere di ogni essere umano a dei comportamenti che siano coerenti ad un obbiettivo di funzionalità e produzione per il bene dell’umanità intera. La duplice natura, introversa ed estroversa, si esprime nel segno coerentemente con l’elemento di appartenenza: l’introversione viene utilizzata per mantenere le immagini di silenzio e ascesi presenti nelle cime più elevate e impraticabili della terra cui si ispira, l’estroversione serve al Capricorno per tracciare i sentieri più impervi e ambiziosi che lo portino più in alto possibile vicino al Creatore. Le accuse di pragmatismo e di ambizione che spesso vengono mosse a questo segno, devono essere inquadrate in un senso del dovere assoluto poiché celano una costante proiezione verso obbiettivi futuri.

Il CAPRICORNO e la Ferita Emozionale

Ferita d’abbandono data per non accettazione dei limiti creati dal tempo e dalla deperibilità delle situazioni. L’individuo sente la necessità fare qualcosa per rispondere alla perdita di una  persona cara, magari trapassata o allontanata da cause di lavoro. La passività nell’ accettare tali eventi viene giudicata irresponsabile, motivando il soggetto a fare qualunque cosa per rallentare l’ineluttabile. Talvolta anche nascondere i propri sentimenti di amore, caricandosi di responsabilità nel gestire il futuro delle persone amate, è una risposta. Qui la ferita d’abbandono si collega al sesso opposto e può riguardare la fine di un rapporto o la morte di un genitore ma la risposta del soggetto è cercare di staccarsi dal dolore, di non sentire, di rimanere impassibili, quasi che quel evento non esista. In questo modo il soggetto si sovraccarica di emozioni e di responsabilità che lo fanno apparire più maturo e più saggio degli altri. Le regole e i doveri riempiono la sua vita creando la maschera del burocrate. L’ideale della Responsabilità e della maturità predispone a capacità amministrative e politiche fuori dal comune.

 

 Fabrizio A. Mariotti